Token ERC-20: cosa sono e come funzionano
Pagina principale Tutorial, Criptovalute, Ethereum, ICO
Hot topic
26 Marzo
2121 2k

La maggior parte delle ICO è basata sulla piattaforma di Ethereum e più specificatamente sugli smart contract di Ethereum. Le quote nei progetti delle ICO vengono solitamente vendute per ETH o BTC e rilasciate sotto forma di token (anche noti come token ERC-20).

Sebbene siamo abituati a vedere e avere a che fare con i token ERC-20, in pochi sanno cosa siano realmente, come funzionino o persino cosa significhi ERC-20 (nel caso ve lo steste chiedendo, ERC sta per Ethereum Request Comment e 20 è il numero arbitrario assegnato al progetto).

I fondamenti dell’ERC-20

Come suggerisce il nome stesso, la valuta originale della blockchain di Ethereum è ether (ETH/USD). Tuttavia, anche i token ERC-20 fungono da monete su Ethereum. Quest’ultimo è il cuore e la mente dei token ERC-20. La sua blockchain elabora le sue transazioni e la sua macchina virtuale gestisce tutti gli smart contract.

La descrizione di una ICO o crowdsale “trustless” da parte di Ethereum.org:

  1. I clienti pagano lo smart contract (il robot al centro).
  2. Il robot invia i soldi al proprietario del contratto.
  3. Il robot rende i token della ICO del proprietario ai clienti.

Ricordate che questi token non sono indipendenti. Fanno parte della blockchain di Ethereum e dipendono dalle sue capacità informatiche distribuite.

Rischi degli smart contract

Sebbene gli smart contract siano efficienti, presentano dei rischi. Ad esempio, uno smart contract non può essere modificato una volta che è avviato dagli sviluppatori della ICO. Se uno smart contract contiene bug o punti vulnerabili, potreste perdere facilmente i vostri fondi, i vostri token o entrambi.

Danni del genere sono avvenuti di frequente nella storia di Ethereum. L’esempio più noto è stato l’attacco informatico da 55 milioni di dollari della DAO e correggerlo ha richiesto un hard fork della rete di Ethereum (che è il motivo per cui è stato creato Ethereum Classis).

Perché la necessità di uno standard dell’ERC-20?

Prima che venisse creato lo standard dell’ERC-20, si erano verificati diversi problemi di compatibilità tra le varie forme di token di Ethereum. Ogni token possedeva uno smart contract completamente unico. In altre parole, per potere ospitare un nuovo token si doveva scrivere un codice del tutto nuovo per ciascun portafoglio o exchange. E supportare la crescente varietà di token stava diventando eccessivamente problematico e dispendioso in termini di tempo.

Come soluzione, il settore ha creato un protocollo standard che tutti i token devono seguire, che è adesso noto come ERC-20.

Lo standard del token ERC-20 presenta sei parametri obbligatori per ogni smart contract, più tre opzionali (ma consigliati!). Facoltativamente, è possibile impostare il numero massimo di decimali che un token supporta. Per fare un confronto, il Bitcoin consente otto cifre dopo il punto decimale, insieme al suo simbolo (solitamente un codice a 3 o 4 cifre) e al suo nome (quindi scegliete qualcosa di suggestivo!).

Le sei funzioni obbligatorie hanno a che vedere con il numero e il trasferimento dei token. Le prime due vengono utilizzate per assegnare lo stato iniziale della distribuzione dei token:

  1. La funzione totalSupply del token deve essere impostata. Una volta raggiunto il massimo, non possono venire creati ulteriori token dallo smart contract.
  2. La funzione balance0f assegna un numero iniziale di token a qualsiasi indirizzo specificato, solitamente i proprietari della ICO.

Sono inoltre necessari due metodi di trasferimento per una ripartizione aggiuntiva e l’invio di token tra gli utenti e sono importanti per funzioni di mercato secondarie:

  1. La funzione transfer sposta i token dalla fornitura totale a qualsiasi utente individuale che acquista durante la fase della ICO.
  2. La funzione transferFrom viene utilizzata per inviare token da una persona all’altra.

Sono richieste due ulteriori funzioni per verificare le funzioni 3 e 4:

  1. La funzione approve verifica che uno smart contract possa distribuire token, in base alla fornitura restante.
  2. Infine, la funzione allowance si assicura che un indirizzo abbia un saldo sufficiente per inviare token ad un altro indirizzo.

Queste sei semplici fasi hanno permesso ai fornitori di portafogli ed exchange di creare un unico codebase, che può interagire con qualsiasi smart contract ERC-20.

Utilizzi dei token ERC-20

I token ERC-20 possono essere utilizzati in vari modi. Ad esempio, possono fungere da quote in un progetto, certificati di proprietà di asset, punti fedeltà o persino criptovalute vere e proprie. È inoltre possibile che ricoprano simultaneamente diversi di questi ruoli.

Creazione di token ERC-20

Tutti i token vengono creati dagli smart contract. Questi ultimi gestiscono le transazioni del token e rappresentano il bilancio di ogni possessore di token. Ad esempio, la pagina CoinCreator di CoinLaunch vi permette di creare facilmente i vostri token ERC-20!

Mentre una ICO è attiva, se inviate cripto-fondi insieme ai vostri dettagli (soprattutto il vostro indirizzo postale) al suo smart contract, dovreste ricevere i token al tasso di cambio concordato.

Problemi con i token ERC-20

Il solo protocollo ERC-20 non sempre è sufficiente per gli scopi di un token. È soltanto uno standard per creare token basati su Ethereum e non assicura dei token utili, preziosi o persino funzionali.

Un token può comunque venire personalizzato ulteriormente, fintanto che soddisfa i fondamenti dell’ERC-20. Uno degli svantaggi dello standard ERC-20 è che rende futile la diffusione di un token a livello tecnico. Di conseguenza, molti team che altrimenti sarebbero stati incapaci di rilasciare una ICO sono stati in grado di farlo. Il gran numero di token distribuiti (47.454 e in continuo aumento!) porta ad un’abbondanza di token molto simili e rende a sua volta il processo di selezione da parte di possibili investitori più complesso e confusionario.

Un altro problema è che alcuni progetti applicano le linee guida in maniera idiosincratica, cosa che crea ulteriore confusione in merito al modo in cui i token operano. Ad esempio, i token vengono talvolta inviati agli smart contract di altre ICO. Se quel contratto non sarà stato autorizzato a tale eventualità, i token andranno persi. Alla fine del 2017, oltre 3 milioni di dollari sono andati persi in questo modo! Il progetto ERC-223 mira a contrastare questo fenomeno.

Conclusione

La creazione dello standard del token ERC-20 ha accelerato la crescita dell’intero spazio delle ICO standardizzando funzioni che rendono più agevole lo sviluppo di token da parte dei progetti. Il protocollo ha inoltre portato una maggiore sinergia tra i progetti delle ICO, e i fornitori di exchange e portafogli. Per potere risolvere i problemi comuni e le vulnerabilità delle ICO, è probabile che in futuro il protocollo ERC-20 venga migliorato e ampliato.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti