I laptop dei clienti di uno Starbucks sono stati hackerati per minare Monero
Pagina principale Notizie, Criptovalute, Altcoin
Hot topic
13 dicembre 2017
2842 2k

I computer dei clienti di una filiale argentina di Starbucks sono stati sfruttati per il mining di criptovalute attraverso l’hotspot Wi-Fi.

Starbucks ha confermato che i visitatori di una delle sue filiali sono stati coinvolti involontariamente in attività riguardanti il mining di Monero, secondo quanto riferito dalla Bbc.

Il servizio Wi-Fi fornito presso uno dei punti vendita di Buenos Aires della catena deviava i computer collegati per utilizzare il loro potere di elaborazione in modo da minare i token XMR.

Non è chiaro per quanto tempo il malware in questione sia stato attivo o quanti clienti ne siano stati interessati. Il problema è stato individuato solo quando Noah Dinkin, amministratore delegato di una società con sede a New York, si è collegato al servizio e ha notato il problema.

“Non appena la settimana scorsa siamo stati avvertiti della situazione in questo negozio specifico, abbiamo agito rapidamente per garantire che il nostro internet provider risolvesse il problema e apportasse le modifiche necessarie per garantire che i nostri clienti potessero utilizzare il wi-fi nel nostro negozio in modo sicuro”, ha risposto nove giorni dopo Starbucks al tweet di Dinkin.

In seguito un portavoce di Starbucks ha detto a Motherboard che il servizio Wi-Fi non passava attraverso il suo controllo diretto.

Si connette a una rete Wi-Fi pubblica: rubati 100.000 euro in bitcoin
Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti