Oymyakon, il villaggio più freddo al mondo
Pagina principale Foto, Russia

Il fotografo Amos Chapple ha documentato la vita di tutti i giorni in un villaggio nella Siberia più profonda.

Gli esseri umani sono creature resistenti e piene di risorse. Forse non c’è un altro posto al mondo dove questo è più evidente che nel piccolo villaggio di Oymyakon, Russia, considerato il luogo abitato più freddo che si sia sulla terra.

Le temperature in media sono intorno ai 50 gradi sottozero durante i mesi invernali, mentre il record assoluto è stato raggiunto nel 1924: 71,2 gradi sottozero.

Il fotografo Amos Chapple ha visitato il villaggio e anche Yakutsk, la cittadina più vicina.

Chapple ha trascorso cinque settimane nella regione, documentando la vita di tutti i giorni sotto queste condizioni anguste.

Amos Chapple ha iniziato il suo viaggio a Yakutsk, la capitale del Sakha, regione nel nord-est della Russia. Si dice sia la capitale più fredda nel mondo.

La città ha una popolazione di circa 300.000 anime e durante l'inverno le temperature scendono in media -57 gradi.

Chapple ha solo buone parole per gli abitanti della città, definiti come “uomini di mondo, amichevoli e vestiti magnificamente”.

E come affrontano il freddo estremo? “Russki chai, letteralmente tè russo, che poi è la loro parola per intendere vodka”, ha detto Chapple a Weather Channel.

Chapple è stato in una piccola pensione a Yakutsk, prima di diventare amico della gente del luogo ed essere invitato nelle loro case. “Ho provato a cucinare qualcosa per loro come ringraziamento, ma è molto difficile mettere insieme un piatto di nacho nella Siberia profonda”.

Un forte commercio di diamanti ha fatto sì che a Yakutsk ci fosse un’economia “variegata e in buona salute”, ha detto Chapple.

Gli effetti della Guerra Fredda sono stati sentiti in queste aree e per questo la gente di Yakutsk “è molto più aperta verso l’esterno degli altri russi e non mostra l’orgoglio ferito derivante dal crollo dell’impero”.

Da Yakutsk si arriva a Oymyakon, il luogo abitato più freddo sul pianeta. Ci vogliono due giorni di viaggio attraverso una strada desolata e isolata per arrivare a destinazione. All’inizio Chapple ha dovuto fare l’autostop per arrivare a metà strada, dove poi è rimasto fermo per due giorni.

Siccome a temperature così basse le macchine devono restare sempre accese, i distributori di benzina restano aperti 24 ore al giorno. “I benzinai nelle stazioni isolate della regione lavorano per due settimane di fila e poi riposano per altre due”, ha detto Chapple.

Chapple è rimasto per due giorni una piccola pensione isolata chiamata “Cafe Cuba”, situata nella landa desolata e congelata sulla strada.

È andato avanti a zuppa di renna e tè caldo in attesa che un’altra macchina lo raccogliesse per terminare il viaggio. “I ragazzi che mi hanno dato un passaggio oscillavano tra l’ospitale e il minaccioso. Ho mangiato sangue di cavallo e maccheroni congelati con la loro famiglia, prima di essere lasciato a Oymyakon”, ha detto Chapple.

Il monumento del periodo comunista che si trova vicino all’entrata della città segna la temperatura record di -71,2 registrata nel 1924 nel villaggio. La scritta recita “Oymyakon, il polo del freddo”.

Oggi la città durante l’inverno registra in media -50 gradi. Nel dialetto della regione Oymyakon significa “acqua non congelata”, che ci crediate o meno. Si ritiene che sia un riferimento a una sorgente d’acqua calda frequentata dai mandriani di renne.

Una volta in città Chapple fu colpito dagli effetti immediati ed estremi della fredda temperatura. “Ricordo di sentire come se il freddo mi stesse fisicamente stringendo le gambe. L’altra sorpresa fu che di tanto in tanto la mia saliva si congelava formando aghi che pungevano le mie labbra”.

Chapple dice che passare una giornata intera così era “estenuante”.

Utilizzare la macchina fotografica era ugualmente difficile. “Il fumo che usciva dalla bocca era fitto come quello di un sigaro e quindi dovevo trattenere il respiro quando scattavo una foto” ha detto Chapple. Anche mettere a fuoco diventò un compito difficile, dato che il freddo faceva presa sulle sua meccanica.

Il terreno completamente congelato nell’area rende impossibile far scorrere l’acqua nelle case del villaggio attraverso i tubi. Invece si usano gabinetti esterni. Correre da dentro casa al bagno fuori è piuttosto angosciante.

Anche seppellire i morti diventa difficile a causa del terreno congelato. Prima della sepoltura bisogna appiccare dai grandi fuochi per riscaldare il suolo.

Chapple dice che pensava che gli abitanti del villaggio fossero entusiasti all’idea di conoscere dei forestieri. Invece ha avuto difficoltà a incontrare persone. “Le uniche persone che stavano fuori schizzavano da una casa all’altra proteggendosi il viso con i guanti oppure erano ubriache e in cerca di guai”.

Dato che la terra è troppo fredda per far coltivare verdure, le persone fanno affidamento sull’allevamento degli animali per sostentarsi.

Gran parte del cibo che mangiato dagli abitanti del villaggio consiste in pesce crudo congelato, come salmone o pesce bianco, e carne di cavallo. Ma per lo più si nutrono di zuppa di renna.

“La vita va avanti come in altre parti del mondo, ma con un occhio sempre al termometro. Al di sotto di -50 gradi si comincia a chiudere tutto.

Sembrerà strano, ma quando poi arriva l’estate, le temperature possono essere abbastanza moderate. Il record massimo nell’area è in effetti di 35 gradi.

Ad ogni modo i mesi estivi hanno breve durate e l’inverno brutale del luogo torna a trascinarsi per quella che sembra un’eternità.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti