7 startup che hanno chiuso nel 2017
Pagina principale Stile di vita

Per ogni unicorno da un miliardo di dollari ci sono innumerevoli startup che non ce l’hanno fatta. Abbiamo superato da poco il primo semestre del 2017 e alcune startup che hanno raccolto 1,48 miliardi di dollari hanno già chiuso i battenti.

1. Beepi: 2013 - Febbraio 2017

Capitale raccolto: 150 milioni di dollari

Valutazione massima: 560 milioni di dollari

Beepi, un sito che fa incontrare acquirenti e venditori di auto usate, ha chiuso a febbraio. Tanto Fair.com quanto la specialista del settore DGDG hanno preso in considerazione di comprare Beepi, ma alla fine non se ne è fatto nulla e Beepi ha finito i soldi.

2. Quixey: 2009 - Febbraio 2017

Capitale raccolto: 133 milioni di dollari

Valutazione massima: 600 milioni di dollari

Quixey, un motore di ricerca online per, ha licenziato gran parte del suo staff alla fine di febbraio. A quanto pare la società non è mai riuscita a trovare una fonte stabile di entrate, nonostante la sostituzione del suo CEO, Tomer Kagan, avvenuta a marzo 2016.

3. Yik Yak: 2013 – Aprile 2017

Capitale raccolto: 73 milioni di dollari

Valutazione massima: 400 milioni di dollari

Yik Yak, un’app di messaggistica al centro di una serie di scandali riguardanti episodi di molestie nei college americani, non è riuscita a far restare gli utenti sulla sua app e ha annunciato la sua chiusura il 28 aprile. La società di pagamenti Square ha comprato per 3 milioni di dollari il team di informatici di Yik Yak alcuni giorni prima della chiusura della startup.

4. Maple: 2014 - Maggio 2017

Capitale raccolto: 29 milioni di dollari

Valutazione massima: 115 milioni di dollari

Maple, un servizio con sede a New York e specializzato nella spedizione di cibo, ha cessato la propria attività l’8 maggio. Per un certo periodo Maple ha goduto del favore i food blogger della grande mela e del fondatore della catena di ristoranti di lusso Momofuku, lo chef David Chang.

Il modello di business di questa startup era piuttosto particolare: i costi di spedizione e le mance erano incluse nei prezzi e ogni pasto veniva accompagnato da un biscotto allo zucchero gratis.

A un certo punto Maple è stata costretto a rimpiazzare i biscotti allo zucchero con fotografie di biscotti allo zucchero su di una brochure. Una parte del team della startup è passato a Deliveroo, una piattaforma più grande di spedizione di cibo che opera in Gran Bretagna.

5. Sprig: 2013 - Maggio 2017

Capitale raccolto: 57 milioni di dollari

Valutazione massima: 110 milioni di dollari

Sprig, un servizio di spedizioni con sede San Francisco specializzato nell’alta cucina, ha chiuso il 26 maggio. Le spedizioni di Sprig impiegavano 15 minuti e i piatti erano preparati con prodotti a chilometro zero. Ma il suo modello di business non si è rivelato sostenibile rispetto a quello di altri concorrenti.

6. Hello: 2012 - Giugno 2017

Capitale raccolto: 40 milioni di dollari

Valutazione massima: 300 milioni di dollari

Hello era la società dietro al sensore del sonno Sense, designato per le stanze, e non i polsi, degli utenti. La sua chiusura è avvenuta nel mese di giugno: la startup non era riuscita a trovare un compratore.

Hello, dopo il lancio su Kickstarter, era riuscita a far vendere Sense su negozi popolari come Target and Best Buy. Ma questi piccoli successi non sono bastati a impedirne l’uscita di scena.

7. Jawbone, 1997 - Luglio 2017

Capitale raccolto: 1 milioni di dollari

Valutazione massima: 3 milioni di dollari

Jawbone è tra i pionieri dei dispositivi wearable, in particolare fitness tracker e speaker portatili, ma non è riuscita a pagare i fornitori. La scorsa settimana Jawbone ha fatto partire la procedura di liquidazione, mentre il suo CEO Hosain Rahman ha dato via a una nuova società, Jawbone Health Hub.

Bonus: Luxe: 2013 - ?

Capitale raccolto: 75 milioni di dollari

Valutazione massima: Oltre 110 milioni di dollari

Luxe, una startup di parcheggio on demand, ha chiuso la sua app in aprile, ma la società non è tecnicamente morta e ha provato a reagire con l’acquisto di garage e la promessa di un nuovo prodotto per l’estate.Inoltre, notizia del mese scorso, Uber starebbe valutando l’idea di comprarla. Vedremo.

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti