Come viaggiare ed essere pagati per farlo
NeONBRAND/Stocksnap
Pagina principale Stile di vita, Viaggi

Due blogger di viaggi professionisti condividono i loro secreti dopo sette anni di esperienze sul campo.

Da un lavoro quotidiano a un lavoro da sogno

Se doveste vederli su un aereo, vi sembrerebbero dei passeggeri comuni. Ma per i loro leali seguaci online, Matt Kepnes e Kate McCulley – meglio noti con i loro nickname Nomadic Matt e Adventurous Kate – non sono dei viaggiatori come tutti gli altri.

La McCulley, 32enne, è una blogger di viaggi a tempo pieno che vive a New York. Aveva un lavoro nel campo del search engine marketing, prima di lasciare il suo ufficio per avventurarsi in un viaggio di sei mesi nel sudest asiatico.

“È probabilmente questa la mia motivazione più grande per viaggiare per il mondo – tentare di imparare il più possibile su tante cose differenti”, afferma Kate McCulley.

“Ho risparmiato tantissimo e ho lasciato il mio lavoro il 14 settembre 2010”, dichiara la McCulley. “Poco più di un mese dopo, sono andata a Bangkok. È stato incredibile”.

Come viaggiare ed essere pagati per farlo
Sven Scheuermeier/Unsplash

La McCulley è stata in più di 60 paesi. Ha vissuto abbastanza storie da potere riempire le pagine del suo romanzo d’avventura, dal momento in cui ha soggiornato in un dormitorio di Barcellona fino a quando è naufragata in Indonesia.

Adesso gestisce un famoso blog ed è attiva sui social media (ha oltre 54.000 “mi piace” su Facebook e più di 98.000 follower su Instagram). Guadagna i suoi soldi tramite una combinazione di marketing di affiliazione, pubblicità tabellare e campagne pubblicitarie per marchi.

Kepnes ha una storia simile. Il 36enne di Boston ha abbandonato il suo impiego amministrativo per diventare uno scrittore (è autore di: “How to travel the world on $50 a day”). Adesso vive a New York e divide il suo tempo tra i viaggi e la scrittura. Sostiene di aver visitato 90 paesi.

“Dico sempre alle persone di viaggiare allo stesso modo in cui vivono. Fate qualsiasi cosa che vi piace fare a casa, solo in un paese straniero”, afferma Matt Kepnes.

“Nel 2005 sono andato in Thailandia, ho incontrato una coppia di escursionisti e ne sono rimasto entusiasta”, racconta Kepnes. “Amavo la libertà che l’escursionismo sembrava donare e sono stato ispirato a seguire le loro orme. Una volta tornato a casa, ho lasciato il mio lavoro e nel 2006 sono stato via per un anno, che poi si è trasformato in 18 mesi”.

Nel 2008, dopo essere tornato, ha aperto il suo blog. Ha oltre 190.000 “mi piace” su Facebook e più di 76.000 follower su Instagram.

Quindi, cosa dovrebbero significare le loro storie per voi? Oltre a leggere le loro avventure e seguirli sui social, potete anche mettere in pratica alcune delle loro abitudini.

1. Stabilite degli obiettivi e impegnatevi affinché si realizzino

Come viaggiare ed essere pagati per farlo
Cristina Gottardi/Stocksnap

Kepnes e La McCulley sapevano di volere viaggiare e hanno adottato le misure necessarie per renderlo possibile. Come hanno scoperto, prima è importante decidere dove, quando e perché volete andare.

Poi arriva il momento di stabilire degli obiettivi finanziari, che renderanno più semplice tenere traccia dei vostri progressi. Kepnes consiglia di suddividere un grosso obiettivo economico in diversi piccoli obiettivi più gestibili, con delle scadenze.

Poniamo che vogliate risparmiare 1.500 dollari per un viaggio e che abbiate bisogno dei fondi entro cinque mesi. Si tratta quindi di 300 dollari al mese, ovvero 10 dollari al giorno. “Molte persone diranno: se ci provo, posso anche riuscire a risparmiare 10 dollari al giorno”, afferma Kepnes.

La lezione: stabilite un obiettivo per voi stessi e sviluppate un piano per portarlo a termine. Ad esempio, se il vostro budget ha abbastanza margine, indirizzate parte di ciascuno stipendio in un libretto di risparmio.

3. Risparmiate per il primo viaggio

Una delle maggiori difficoltà che questi blogger hanno dovuto affrontare è stata quella di risparmiare.

La McCulley afferma di avere “vissuto quasi in miseria” per finanziarsi il suo primo viaggio – abbandonando la palestra, sbarazzandosi del suo account Netflix e stando lontana da cene e bevute. “In pratica ho fatto una revisione delle mie finanze e ho scoperto quanto potevo risparmiare da ogni busta paga”, dichiara.

Kepnes ha fatto dei sacrifici simili. Ha dichiarato di avere lavorato per anni per risparmiare fino a 20.000 dollari per il suo primo viaggio intorno al mondo, più 10.000 dollari extra per vivere una volta tornato. Il suo stile di vita “da povero” comprendeva fare gli straordinari e tornare a vivere casa dei genitori per un certo periodo.

La lezione: fare dei tagli per il breve termine può contribuire a investire del denaro, ma siate realistici. È possibile ridimensionare le vostre spese discrezionali per un periodo di tempo limitato, se avete un obiettivo in mente; pianificare le spese è incredibilmente limitante e potrebbe non essere sostenibile nel lungo termine.

4. Imparate come funzionano le cose

Come viaggiare ed essere pagati per farlo
rawpixel.com/Unsplash

Una volta che avete risparmiato abbastanza soldi per partire, cercate dei modi per tagliare i costi durante il viaggio.

Dopo aver attraversato continenti e fusi orari, Kepnes e la McCulley sono diventati esperti in merito ai viaggi economici. In particolare, hanno scoperto che vivere come una persona del posto può fare risparmiare molto. Ecco come:

Date un’occhiata agli ostelli. Sia Kepnes che la McCulley hanno soggiornato in ostelli mentre erano all’estero. Questi sono alloggi in stile dormitorio che possono rivelarsi più economici rispetto alle camere di hotel tradizionali.

Recatevi negli uffici turistici. Kepnes ritiene che gli uffici turistici siano una delle risorse di viaggio meno sfruttate. Sono pieni di offerte speciali, abbonamenti per i trasporti e altro, quindi vale la pena farci una visita una volta arrivati a destinazione.

Osservate la gente del posto. Non presumete di dovere vivere come dei turisti quando viaggiate. “Penso che molte persone diano per scontato che quando si viaggia si debbano spendere soldi”, afferma Kepnes.

La lezione: il modo in cui viaggiate determina quanto sarà costoso il vostro viaggio. Quando pianificate un budget, selezionate gli elementi più importanti della vostra vacanza (la destinazione, l’alloggio, il cibo, ecc.) e siate disposti a sacrificare tutto il resto.

Potreste non essere in grado di guadagnarvi da vivere viaggiando per il mondo, ma potete realisticamente rendere il viaggio parte della vostra vita.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti