5 errori che faranno scartare il tuo curriculum
Pagina principale Stile di vita, Crescita personale

Il vicepresidente della divisione risorse umane di Google spiega gli errori che devi evitare se vuoi almeno ottenere un colloquio.

Ho inviato centinaia di curriculum nel corso della mia carriera, candidandomi praticamente a qualsiasi genere di lavoro. Ho personalmente esaminato più di 20.000 curriculum. E qui a Google a volte riceviamo più di 50.000 curriculum in una sola settimana.

Ho visto tantissimi curriculum.

Alcuni sono brillanti, la maggior parte sono solo ok, molti sono dei disastri. La cosa più difficile è che per 15 anni ho continuato a vedere sempre gli stessi errori commessi a ripetizione dai candidati, ognuno dei quali può impedire loro di essere tenuti in considerazione per un lavoro. Ciò che è ancora più deprimente è che da questi curriculum posso dedurre che molte di queste siano brave persone, addirittura grandiose. Ma in un mercato del lavoro estremamente competitivo, i direttori del personale non devono compromettere la qualità. Basta un solo piccolo errore perché un dirigente respinga un candidato peraltro interessante.

So che questo è un argomento trito e ritrito su LinkedIn, ma sto iniziando da qui perché – ve lo giuro – più della metà di voi ha commesso almeno uno di questi errori sul proprio curriculum. E preferirei vedere dei candidati che ottengono il lavoro, piuttosto che delle persone che vengono scartate.Nell’interesse di aiutare più candidati a superare quella prima occhiata al loro curriculum, ecco i cinque errori più gravi errori che osservo nei CV:

1. Errori di battitura

Questo sembrerebbe ovvio, ma succede in continuazione. Un sondaggio del 2013 di CareerBuilder ha rilevato che il 58% dei curriculum contiene errori di battitura.

Infatti, le persone che modificano i loro curriculum con la massima attenzione sono quelle più soggette a questo genere di errori, che spesso derivano dal tornare continuamente indietro per ritoccare il proprio curriculum un’ultima volta.

E nel fare ciò, un soggetto e un verbo improvvisamente non combaciano o una frase viene lasciata nel punto sbagliato, o ancora una serie di date viene spostata al punto da risultare disallineata. Lo vedo sempre nei curriculum di chi ha ottenuto il Master in gestione d’impresa.

Gli errori di battitura sono fatali perché i datori di lavoro li interpretano come una mancanza di orientamento verso il dettaglio, come un disinteresse riguardo alla qualità.

La soluzione? Leggete il vostro curriculum dal fondo fino alla cima: ribaltare l’ordine normale vi aiuterà a concentrarvi su ogni singola riga. Altrimenti, chiedete a qualcun altro di fare una rilettura per voi.

2. Lunghezza

Una buona norma generale consiste in una pagina di curriculum ogni 10 anni di esperienza lavorativa. Difficile inserirle tutte, vero? Tuttavia, tre, quattro o dieci pagine di curriculum non verranno lette con attenzione. Come scrisse Blaise Pascal:

“Ti avrei scritto una lettera più breve, ma non ne avevo il tempo”.

Un curriculum asciutto e ben focalizzato dimostra la capacità di sintetizzare, stabilire l’ordine di priorità e trasmettere le informazioni più importanti sul vostro conto. Pensatela in questo modo: il solo scopo di un curriculum è quello di farvi ottenere un colloquio. Tutto qui. Non è quello di convincere un responsabile delle selezioni a dirvi di “sì” (è a questo che serve il colloquio) o di raccontare la storia della vostra vita (è a questo che serve un coniuge paziente).

Il vostro curriculum è uno strumento che vi permette di ottenere quel primo colloquio. Una volta che arrivate in quella stanza, il CV non importa molto. Quindi, ridimensionatelo. È troppo lungo.

3. Formattazione

A meno che non vi stiate candidando per un lavoro come artisti o designer, dovreste concentrarvi sul rendere il vostro curriculum chiaro e leggibile.

Con una dimensione caratteri pari almeno a 10 punti. Con dei margini di almeno mezzo centimetro. Carta bianca, inchiostro nero. Una spaziatura abbondante tra le righe, colonne allineate e il vostro nome e recapito su ogni pagina.

Se vi è possibile, visualizzatelo sia con Google Docs che con Word e poi allegatelo ad una e-mail e apritelo come anteprima. Quando si passa da una piattaforma all’altra, la formattazione può risultare confusa. Salvare il curriculum in PDF è una buona soluzione.

4. Informazioni riservate

Una volta ho ricevuto il curriculum di un candidato che aveva lavorato per un’importante società di consulenza. Questa azienda aveva una politica piuttosto rigida sulla riservatezza: i nomi dei clienti non dovevano mai venire condivisi.

Sul curriculum, il candidato aveva scritto: “Consulenza per un’importante società di software di Redmond, nello stato di Washington”. Respinto! C’è un conflitto intrinseco tra i bisogni del vostro datore di lavoro (mantenere riservati i segreti aziendali) e quelli vostri (mostrare quanto sono bravo così da ottenere un lavoro migliore).

È per questo motivo che spesso i candidati trovano dei modi per rispettare le lettere dei loro accordi di riservatezza, ma non il loro spirito. Sebbene questo candidato non avesse menzionato Microsoft nello specifico, qualsiasi esaminatore sapeva che intendesse proprio quella società. In una revisione molto approssimativa, abbiamo scoperto che almeno il 5-10% dei curriculum rivela informazioni riservate. Il che mi suggerisce, come datore di lavoro, che non dovrei mai assumere quei candidati… a meno che non voglia che i miei segreti commerciali vengano trasmessi ai miei concorrenti.

Il test del New York Times può essere di aiuto: se non volete vedere qualcosa sulla homepage del NYT con il vostro nome allegato (o se è il vostro capo a non volerlo!), allora non inseritela nel vostro curriculum.

5. Bugie

Questo mi spezza il cuore. Inserire una bugia nel vostro curriculum non ne vale mai, mai la pena. Chiunque, perfino un AD, può venire licenziato per questo (cercate su Google “AD licenziati per avere mentito sui loro curriculum” e leggete). Le persone mentono sui loro titoli di studio (3 crediti in un corso di laurea non sono un titolo di studio), sulla media dei loro voti (ho visto centinaia di persone aumentare “accidentalmente” le loro medie, ma non ne ho vista una diminuirla per sbaglio – mai), su dove sono andate a scuola (perdonatemi, ma i datori di lavoro non considerano un diploma conseguito online come “esperienza di vita”, come può esserlo l’aver frequentato l’UCLA o la Seton Hall). Le persone mentono su quanto a lungo hanno lavorato per una società, su quanto grandi erano i loro team e sui loro risultati di vendita, gonfiando sempre questi dati a proprio favore.

Ci sono tre grandi problemi con il mentire:

  1. Potete venire smascherati facilmente. Internet, le referenze personali e le persone che in passato hanno lavorato per la vostra società possono svelare la realtà dei fatti.
  2. Le bugie vi inseguono per sempre. Mentite sul vostro curriculum e 15 anni dopo ottenete una grossa promozione, ma venite scoperti? Licenziati. E provate a spiegarlo nel vostro prossimo colloquio.
  3. Le nostre madri ci hanno insegnato a comportarci meglio. Davvero.

Quindi, ecco come rovinare il vostro curriculum. Non fatelo! Gli addetti alle assunzioni sono in cerca delle migliori persone possibili, ma è garantito che la maggior parte di noi verrà scartata.

La buona notizia è che – proprio per il fatto che molti curriculum contengono questo genere di errori – evitarli può farvi risaltare.

5 errori da evitare in una cover letter
Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti