3 problemi che gli investitori in criptovalute non possono ignorare
Pagina principale Finanze, Criptovalute, Investimenti nelle criptovalute, Mining, Blockchain
Hot topic
11 Aprile
1928 1k

La volatilità non è l’unico problema a colpire il mercato delle criptovalute. Altre questione importanti hanno causato un aumento dell’incertezza e hanno persino inciso negativamente sul prezzo di alcuni asset. Al momento è possibile individuarealmeno tre problemi legati alle criptovalute che non possono assolutamente essere ignorati dagli investitori.

1. Il dilemma della proof-of-concept

Se c’è una questione che può essere etichettata come il maggiore problema per le criptovalute, a mio parere, è il dilemma della proof-of-concept associata alla tecnologia della blockchain.

Per chi non lo sapesse, la blockchain è il libro mastro digitale, distribuito e decentralizzato responsabile della registrazione delle transazioni in modo trasparente, senza il bisogno di una terza parte, come una banca. In parole ancora più semplici, è un metodo per trasferire fondi e dati di log senza il bisogno di reti bancarie tradizionali. La sua intera rivoluzione è stata basata sul presupposto che l’attuale sistema bancario danneggi i consumatori impiegando dai tre ai cinque giorni per elaborare le transazioni e che consenta alle banche di intascare commissioni agendo da terza parte. La blockchain risolve questo problema elaborando i pagamenti in maniera considerevolmente più rapida (potenzialmente in tempo reale) ed eliminando le banche dell’equazione, riducendo in questo modo i costi delle transazioni.

Blockchain, una guida per principianti

Ciò può sembrare entusiasmante e ha di certo attirato numerose imprese che sono state disposte a testare la blockchain in demo e progetti su piccola scala. L’Enterprise Ethereum Alliance ha coinvolto oltre 250 organizzazioni di tutto il mondo per provare una versione della blockchain open source di Ethereum in vari settori e contesti.

Eppure, resta un problema: la scalabilità nel mondo reale. Sebbene abbiamo osservato il successo di numerosi progetti e demo di blockchain, nessuno ha permesso di testare la blockchain in uno scenario reale e su più ampia scala. E, cosa ancora più importante, nessuna azienda con un marchio ha ancora deciso di darsi totalmente alla blockchain e di sostituire le proprie reti esistenti.

Quindi è evidente che le imprese non passeranno alla blockchain finché quest’ultima non avrà dimostrato la sua scalabilità nel mondo reale; ma non c’è alcun modo per farlo se nessuna grande azienda effettuerà il passaggio. Finché non verrà trovata una soluzione a questo circolo vizioso, puntare sulla blockchain continuerà ad essere un’impresa rischiosa per gli investitori.

2. Il dilemma della regolamentazione

Un altro problema che potrebbe far strappare i capelli agli investitori è quello della regolamentazione.

Sin da gennaio, le criptovalute come il bitcoin hanno incassato dei duri colpi, in quanto alcuni paesi hanno intensificato le normative relative alle criptovalute. Ad esempio, nel mese di gennaio la Corea del Sud ha annunciato che le banche devono verificare le identità dei propri membri nel caso in cui i loro conti siano collegati ad exchange di criptovalute. In altre parole, se si dovessero aggiungere dei fondi supplementari, l’anonimato non sarebbe più possibile in Corea del Sud.

Negli Stati Uniti si è assistito a una spinta simile verso la trasparenza. Nel mese di novembre, l’Internal Revenue Service (IRS) ha vinto un procedimento giudiziario contro il famoso exchange di criptovalute Coinbase, imponendogli di consegnare informazioni su utenti che avessero negoziato più di 20.000 dollari in bitcoin tra il 2013 e il 2015. Dato che soltanto 800/900 dichiarazioni dei redditi annuali di quel periodo avevano notificato plusvalenze, è abbastanza evidente che l’IRS stia prendendo provvedimenti in merito all’evasione fiscale delle valute virtuali. L’approvazione delle Tax Cuts e del Jobs Act, che ha eliminato gli scambi “like-kind”, è la prova ulteriore che gli Stati Uniti stiano facendo pressioni per rendere il panorama delle criptovalute più trasparente.

Quando le criptovalute sono finite sotto ai riflettori per la prima volta, è stato il loro anonimato ad attirare gli investitori. Venivano viste come la valuta ideale di un libertario. Ma con l’intensificazione delle regolamentazioni, molte valute digitali sono state liquidate.

Il dilemma è il seguente: per far sì che le criptovalute vengano prese seriamente, e affinché abbiano un futuro a lungo termine, deve esserci una base per la regolamentazione. Tuttavia, tale regolamentazione agisce contro il principio fondamentale che ha attratto gli investitori dal principio. Bilanciare il bisogno di regolamentazioni con il desiderio di indipendenza sarà molto difficile.

3. Il dilemma del mining delle criptovalute

Infine, vi è un vero grattacapo con cui i produttori di schede grafiche NVIDIA e Advanced Micro Devices devono fare i conti, riguardante il mining delle criptovalute.

Il mining delle criptovalute descrive uno dei procedimenti più comuni attraverso il quale vengono verificate le transazioni della blockchain. Si tratta di persone e imprese con potenti computer che competono le une contro le altre per essere le prime a risolvere equazioni matematiche complesse che sono il risultato della cifratura destinata a proteggere queste transazioni dagli hacker. A chi risolve per prima queste equazioni e che verifica un gruppo di transazioni, noto come blocco, viene data la “ricompensa del blocco”. Tale ricompensa viene erogata nei token della criptovaluta che sta venendo minata ed è in questo modo che i miner di criptovalute ottengono i loro guadagni.

Non tutte le valute virtuali sono minabili, ma il bitcoin (Bitcoin), Ethereum (ETH/USD), Bitcoin Cash (Bitcoin.Cash) e Litecoin (LTC/USD), quattro delle cinque maggiori per capitalizzazione di mercato, vengono effettivamente minate. Il mining è un processo estremamente intenso, poiché richiede molta elettricità e un hardware potente. Per il bitcoin si parla di chip ASIC (“application-specific integrated circuit”, circuiti integrati ad applicazione specifica) speciali, con unità di elaborazione grafica che vengono utilizzate per altre criptovalute minabili.

Come minare bitcoin

I prezzi delle schede grafiche sono raddoppiati, triplicati o persino quadruplicati in seguito alla richiesta per il mining di criptovalute. È stata una benedizione per NVIDIA e AMD, ma ciò sta facendo arrabbiare i loro clienti principali, che sono appassionati di videogiochi o uomini/donne d’affari. NVIDIA e AMD devono decidere se non fare nulla e lasciare che la fornitura e la richiesta dettino il prezzo, cosa che potrebbe causare la perdita di alcuni dei loro principali clienti, o lanciare delle schede grafiche specifiche per il mining e ridurre la recente impennata delle entrate che hanno ottenuto grazie alla mania del mining. Si tratta di una situazione senza vie d’uscita per entrambe le società.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti