I tycoon dei fast food: come fare i miliardi vendendo hamburger e patatine
Pagina principale Finanze

Sulla classifica dei miliardari di Forbes è possibile trovare 14 imprenditori che hanno fatto fortuna nel settore dei fast food.

Per un gruppo ristretto di imprenditori nel settore alimentare, avere successo significa vendere milioni di panini a 5 dollari, ciotole di manzo giapponese a 3 dollari o classiche pizze al salame a 5,99 dollari. Vendete queste cose in gran quantità – o disporre di abbastanza franchising che vendono cibo da fast food – potrebbe farvi finire sulla classifica dei miliardari di Forbes.

14 persone tra i 2.043 membri della nuova classifica dei miliardari di Forbes hanno fatto proprio questo. Alcune delle società super avviate che possiedono sono nomi familiari per gli americani (pensate a Subway e Little Cesar), mentre altri hanno messo su un seguito di fedelissimi in posti come il Giappone o le Filippine.

1. Marian Ilitch e famiglia

Società: Little Caesars

Patrimonio netto: 6 miliardi di dollari

Marian Ilitch, che insieme ai suoi figli possiede una fortuna da 6 miliardi di dollari, è diventata quest’anno l’unica fondatrice di Little Caesars Pizza in vita, dopo che il cofondatore e marito Michael Ilitch è morto a febbraio all’età di 87 anni. La coppia, entrambi immigrati macedoni di prima generazione, si era incontrata durante un appuntamento al buio organizzato dal padre di Michael nel 1954. Avevano aperto la prima pizzeria nel maggio 1959 con i loro risparmi di una vita – 10.000 dollari – a Garden City, nel Michigan. Diventata adesso una delle maggiori catene di pizza americane, Little Caesars ha registrato nel 2016 ricavi per oltre 4,2 miliardi di dollari. Oltre agli USA, possiede ristoranti in altri 20 paesi, tra cui Canada, Bahrein, Guam, Arabia Saudita e Turchia.

2. Bubba e Dan Cathy

Società: Chick-Fil-A

Patrimonio netto: 3,8 miliardi di dollari

I fratelli Dan e Bubba Cathy hanno ereditato l’impero del pollo fritto Chick-Fil-A dal padre, Truett Cathy, dopo che quest’ultimo è morto nel settembre 2014 all’età di 93 anni. Truett aveva aperto il primo Chick-Fil-A nel 1967, in un centro commerciale di Atlanta, servendo panini al pollo a operai e operatori aeroportuali. In una colonna di Forbes del 27 luglio 1998, Truett scrisse: “Sono un battista del sud e ritengo che la domenica sia un giorno sacro. Cinquantadue anni fa abbiamo deciso di tenere chiusi i nostri ristoranti di domenica e non abbiamo mai cambiato idea”. Circa vent’anni dopo, i figli Dan e Bubba si sono attenuti a questo decreto e continuano a tenere chiusi di domenica i 2.000 ristoranti. I magnati del pollo fritto sono entrambi entrati a far parte della classifica dei miliardari nel 2015, con un patrimonio netto di 3,2 miliardi di dollari ciascuno. Quest’anno valgono entrambi 3,8 miliardi di dollari.

4. Tony Tan Caktiong e famiglia

Società: Jollibee

Patrimonio netto: 3,4 miliardi di dollari

Tony Tan Caktiong, il cui valore è pari a 3,4 miliardi di dollari, ha creato la sua fortuna tramite Jollibee, una catena di ristoranti asiatici a conduzione familiare che serve piatti filippini, cinesi, americani ed europei. Nel 1978, Caktiong e la sua famiglia hanno aperto una gelateria nel quartiere Cubao di Quezon City nelle Filippine. Quello è stato il primo di oltre 2.900 locali Jollibee nel mondo. Caktiong non ha mostrato segno di volersi fermare – nel gennaio 2016, Jollibee ha acquisito una partecipazione del 40% della catena di hamburger americana Smashburger per 100 milioni di dollari. Nell’agosto 2016, Jollibee ha inaugurato un nuovo locale a Skokie, nell’Illinois, mentre centinaia di persone in coda ne hanno atteso l’apertura.

5. Andrew e Peggy Cherng

Società: Panda Express

Patrimonio netto: 3,1 miliardi di dollari

Panda Express è stata creata da una coppia sposata. Andrew and Peggy Cherng, immigrati dalla Cina e dalla Birmania, si erano incontrati da studenti presso la Baker University di Baldwin City, nel Kansas. Nel 1983 hanno aperto il loro primo fast food cinese, Panda Express, all’interno di un centro commerciale in un sobborgo di Los Angeles. Preparando pollo all’arancia e maiale in agrodolce per clienti di grandi magazzini, passeggeri di aeroporti e americani desiderosi di cibo cinese rapido e conveniente, la coppia ha debuttato nel 2013 nella lista dei miliardari di Forbes con un patrimonio netto di 2 miliardi di dollari. Oggi, valgono 3,1 miliardi di dollari. Nel 2011, hanno aperto il loro primo ristorante internazionale a Città del Messico e da allora hanno avuto un’espansione a livello mondiale, arrivando fino al Porto Rico, alla Corea del Sud e a Dubai. Nel 2016, Panda Express ha ottenuto ricavi per 2,8 miliardi di dollari dai suoi 1.900 locali.

12. John Schnatter

Società: Papa John's

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

L’AD di Papa John’s, John Schnatter, è un’altra new entry nella classifica dei miliardari di quest’anno. Nel 2016, le azioni della pizzeria quotata in borsa sono aumentate del 58%, cosa che ha portato il patrimonio netto di Schnatter a 1 miliardo di dollari fino a metà febbraio 2017. Ha creato l’azienda nel 1984, fuori da un ripostiglio. Oggi, la pizzeria opera tramite 4.900 locali in 44 paesi e territori e nel 2015 ha ottenuto 1,64 miliardi di dollari in vendite. Il 21 febbraio, tuttavia, Papa John’s ha pubblicato per il suo quarto trimestre un fatturato inferiore rispetto a quanto previsto. Il giorno successivo, le azioni sono crollate del 7%. Fino al 20 marzo 2017, Forbes ha fissato il suo patrimonio netto a 925 milioni di dollari, eliminandolo dalla classifica dei miliardari, almeno per il momento.

12. Kentaro Ozawa

Società: Zensho Group

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

Kentaro Ogawa, nuovo arrivato nella lista dei miliardari, ha creato la sua fortuna da 1 miliardo di dollari sulle ciotole di manzo. Chiamato “gyudon”, questo pasto popolare è composto da filetti di manzo disposti su una ciotola di riso – un classico di Sukiya, una catena con 1.970 locali in Giappone. Ha sedi anche in Cina, Messico e Brasile. Il guru del gyudon ha fondato la catena alimentate Zensho nel 1982, dopo una carriera lavorativa nei cantieri navali e attivismo nei sindacati. Entrato adesso a far parte della borsa di Tokyo, Zensho gestisce una rete di 4,800 ristoranti; le altre catene di Zensho servono udon, bistecche di hamburger e sushi su nastro.

Ecco i 14 miliardari, in ordine di patrimonio netto, che hanno guadagnato le loro fortune tramite il fast food:

1. Marian Ilitch e famiglia

Società: Little Caesars

Patrimonio netto: 6 miliardi di dollari

2. Bubba Cathy

Società: Chick-Fil-A

Patrimonio netto: 3,8 miliardi di dollari

2. Dan Cathy

Società: Chick-Fil-A

Patrimonio netto: 3,8 miliardi di dollari

4. Tony Tan Caktiong e famiglia

Società: Jollibee

Patrimonio netto: 3,4 miliardi di dollari

5. Andrew e Peggy Cherng

Società: Panda Express

Patrimonio netto: 3,1 miliardi di dollari

6. Louis Le Duff

Società: Groupe Le Duff

Patrimonio netto: 2,6 miliardi di dollari

7. Peter Buck

Società: Subway

Patrimonio netto: 2,5 miliardi di dollari

8. Wu Zhigang e famiglia

Società: Shenyang Toly Bread

Patrimonio netto: 2,1 miliardi di dollari

9. Jack Cowin

Società: Hungry Jack’s

Patrimonio netto: 1,7 miliardi di dollari

10. Hur Young-In

Società: Paris-Croissant Food

Patrimonio netto: 1,6 miliardi di dollari

11. Ronald Joyce

Società: Tim Hortons

Patrimonio netto: 1,4 miliardi di dollari

12. John Schnatter

Società: Papa John's

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

12. Edgar Sia

Società: Mang Inasal

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

12. Kentaro Ozawa

Società: Zensho Group

Patrimonio netto: 1 miliardo di dollari

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti