Come prendere decisioni difficili quando si tratta di investimenti
Willem van de Velde the Younger, Ships in a Gale/National Gallery of Art, Washington, D.C.
Pagina principale Finanze, Finanza personale, Trading e Investimenti

Non permettere alle tue emozioni di compromettere la tua visione quando devi investire.

“Devi vaccinarti contro il rimpianto” - Daniel Kahneman

Circa 10 anni fa, mi trovavo in una sala conferenze a discutere di idee di investimento con un gruppo di investitori. Il titolo che presentavo possedeva un modello commerciale, una posizione competitiva e un gruppo dirigente molto buoni. Anche la valutazione sembrava ragionevole.

Ma quando mi è stato chiesto se avrei comprato quel titolo quello stesso giorno, ho esitato.

“E se il titolo crollasse del 20% subito dopo averlo acquistato?”, mi domandavo. “Sembrerei uno stupido”.

Un altro investitore percepì la mia esitazione e inesperienza e mi diede il miglior consiglio che abbia mai ricevuto in quella fase della mia carriera. “Questa è un’attività di processi decisionali”, disse “Non puoi avere paura di fare una chiamata”.

Tempo di decidere

Non è mai facile separarsi da un capitale guadagnato duramente per effettuare un investimento dall’esito incerto. Ciò vale sia se prendete da soli le vostre decisioni, sia se lo fate con un consulente finanziario.

Anche se sapessimo in anticipo che tutte le nostre decisioni di investimento avrebbero esiti positivi, non sarebbe soddisfacente. Se a qualsiasi altro investitore venissero garantiti risultati positivi, i nostri ricavi previsti diminuirebbero nei confronti dei tassi dei buoni del Tesoro.

In altre parole, quando si tratta di investimenti azionari, dovete abituarvi all’incertezza. Soprattutto se sperate di ottenere dei rendimenti superiori alla media.

E se l’investimento non funzionasse? La sofferenza per una perdita di capitale permanente può spazzar via qualsiasi gioia ottenuta da altri guadagni. Infatti, gli economisti comportamentali hanno rilevato che le persone siano generalmente avverse alle perdite dalle 2 alle 2,5 volte in più rispetto a guadagni simili. Per dirla in termini più pratici, proviamo più sofferenza nel perdere 100 dollari che nel trovarne 100 per strada.

Tutto ciò si può ricollegare agli istinti primari dell’uomo. Nella nostra fase preistorica, perdere metà della scorta di cibo della propria tribù era un vero disastro. Aggiungere il 50% alla propria scorta di cibo era un buon bonus, ma non una questione di vita o di morte. Sebbene l’avversione alla perdita abbia aiutato la nostra specie a sopravvivere, è dannosa per noi investitori moderni.

Cosa possiamo fare?

Il timore del rimpianto e della perdita ha impedito a molti investitori – e di certo anch’io faccio parte di questo gruppo – di prendere importanti decisioni di investimento. Sebbene siamo biologicamente programmati per pensare e sentirci in tal modo, esistono alcune tattiche che possiamo utilizzare per adoperarci contro queste forze.

Prezzo limite e Controllo delle prestazioni. Più investo, più sono convinto che la cosa peggiore che un investitore a lungo termine possa fare sia quella di controllare continuamente le proprie prestazioni. Il controllo delle prestazioni porta con sé predisposizioni aggiuntive come il pregiudizio di conferma, lo hindsight bias (il ragionare con il senno di poi) e sì, il pregiudizio di conferma. Come afferma Michael Mauboussin di Credit Suisse: “I prezzi possono variare dall’essere una fonte di informazione all’essere una fonte d’influenza”.

Sei mentalmente pronto a fare trading?
Sei mentalmente pronto a fare trading?

Supponiamo che investiate in un’azienda e che il suo rapporto trimestrale mostri forti miglioramenti importanti, ma che non soddisfino le aspettative ancora superiori del mercato. Il titolo crolla del 5%. Osservate questo calo su CNBC e pensate: “Oh no, cosa ho fatto?”. Iniziate a stressarvi e a cercare dei modi per tornare in pari. Ciò non fa che aggravare il problema. Al contrario, se un titolo che avete acquistato salisse del 10%, potreste ottenere la falsa impressione di essere diventati dei nuovi guru dell’investimento. Così iniziereste a fare delle puntate più aggressive come risultato di questa eccessiva sicurezza.

Per quanto possibile, limitate la frequenza delle visite al vostro sito di brokeraggio, dei controlli dei prezzi in tempo reale e del consumo di mezzi d’informazione finanziari.

Prendetevi un periodo di riposo di 24 ore. Se provate delle forti emozioni – sia di gioia che di disperazione – prima di prendere una decisione d’investimento, fate un passo indietro. Uscite e fatevi una corsa o una passeggiata. Meditate. Dormiteci su. Parlate con il vostro consulente. Fate qualunque cosa sia necessaria a placare le emozioni.

Sì, mentre ritardate le vostre decisioni, il valore d’investimento potrebbe crollare ulteriormente. Nel corso di una carriera da investitori, tuttavia, i benefici derivanti dall’aspettare e dal prendere decisioni ponderate superano di gran lunga le perdite aggiuntive “risparmiate” da un processo decisionale precipitoso.

Trovate un punto di riferimento alternativo. Gli investitori spesso comparano i loro ricavi con un ampio mercato quale l’S&P 500. Non c’è nulla di sbagliato in questo. Tuttavia, su base annua, ciò che indirizza le prestazioni in quell’indice differirà probabilmente dalla vostra strategia.

Se siete degli investitori in crescita, quando il valore sovraperforma, probabilmente perdete contro il mercato e viceversa. Se non foste a conoscenza di queste tendenze del mercato, potreste cambiare bruscamente il vostro approccio di investimento, pensando di stare facendo qualcosa di sbagliato.

Un punto di riferimento alternativo dovrebbe essere legato ai fondamentali di business dei titoli nel vostro portafoglio. Ad esempio, se siete degli investitori focalizzati sui dividendi, potreste voler ottenere una crescita dei dividendi annuale dal 6 all’8%. In questo modo, anche se il vostro stile è in conflitto con un indice in un dato anno, potrete trarre conforto dal vostro approccio nel caso in cui il vostro portafoglio generi, ad esempio, una crescita dei dividendi annuale del 9%.

I temi comuni di questi approcci consistono nel prendere le distanze dal processo decisionale emotivo e nel concentrarsi piuttosto sui fondamentali di business sottostanti.

In conclusione

Essere un investitore significa prendere delle decisioni. Meglio comprenderemo noi stessi e le decisioni che prendiamo, migliori possibilità avremo di ottenere guadagni soddisfacenti dai nostri investimenti.

Siate pazienti e restate concentrati.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti