3 titoli da tenere d’occhio questa settimana
Mark Kauzlarich/Reuters
Pagina principale Finanze, Mercato USA

Il mercato azionario ha esteso il suo rally negli ultimi sette giorni, nei quali Dow Jones Industrial Average (INDEX: Dow Jones Industrial Average [DJI]) e S&P 500 (INDEX: US500) sono cresciuti di oltre l’1%. I due indici sono a +5% finora per il 2017. Tra le società che rilasceranno i loro risultati trimestrali nei prossimi giorni spiccano Wal-Mart (XETRA: Wal-Mart Stores [WMT]), Tesla (NASDAQ: Tesla Motors [TSLA]) e Gap (NYSE: Gap [GPS]).

Wal-Mart

Il colosso del retail annuncerà martedì i suoi risultati prima dell’apertura del mercato. Le aspettative non sono alte e le stime di consenso parlano di una crescita delle vendite di solo l’1% e di un calo degli utili del 13%, a 1,29 dollari per azione. In particolar modo si farà attenzione alle cifre riguardanti l’affuenza dei clienti. Wal-Mart è riuscita a registrare miglioramenti per sette trimestri consecutivi in quell’ambito, ma durante l’ultimo trimestre le cifre sono calate a valori quasi piatti.

Da allora la rivale Target (NYSE: Target Corporation [TGT]) ha invece rivelato un sorprendente declino dell’1,7% durante il periodo delle vacanze invernali, segno che la competizione è dura nel settore. Un qualsiasi rallentamento della crescita potrebbe essere ulteriormente complicato da un aumento dei costi, specialmente nel suolo americano.

Al contempo, sempre secondo le previsioni, Wal-Mart continuerà probabilmente a inondare gli azionisti di dividendi e buyback, grazie all’aumento del flusso di cassa disponibile.

Tesla

Le azioni di Tesla sono cresciute di oltre il 50% negli ultimi tre mesi che precedono la pubblicazione degli utili questo mercoledì, nonostante gli investitori siano a conoscenza del fatto che la società di Elon Musk non riuscirà a rispettare le previsioni del management circa la spedizioni delle sue nuove macchine elettriche (22.000 contro 25.000). Il management ha dato la colpa ai tempi ristretti di produzione e alla transizione imposta dal nuovo hardware col pilota automatico.

Gli investitori vorranno sapere se Tesla è riuscita a mettersi queste difficoltà alle spalle. Le speranze che Tesla annunci per questo trimestre di essere in profitto sono molto poche, ma il margine lordo e il profitto lordo per macchina dovrebbero continuare a salire.

Gli azionisti inoltre sono in attesa di sapere cosa pensa Musk dei target di vendite per il prossimo anno, con l’arrivo online della Model 3 sul mercato di massa. Tesla spera di portare la sua produzione dalle attuali 100.000 unità l’anno a 500.000 e le previsioni per il 2017 diranno se quell’obiettivo è realisticamente raggiungibile.

Gap

Gap (NYSE: Gap [GPS]) di recente ha rivelato dettagli incoraggianti in merito al rapporto sul quarto trimestre atteso per giovedì. Le vendite comparable-store sono cresciute dell’1%, un’inversione di tendenza rispetto al -8% registrato l’anno precedente. Quel miglioramento comprende un +5% per il marchio Old Navy brand, cifre piatte per Gap e un calo del 3% per Banana Republic.

Il CEO Art Peck ha detto a inizio febbraio: “Siamo felici di registrare una crescita nelle nostre vendite top-line e comparable durante il decisivo trimestre delle vacanze”.

L’annuncio di questa settimana sarà importante per scoprire se Gap ha esagerato i suoi risultati al fine di proteggersi dai suoi rivali di mercato.

Per questo motivo gli investitori saranno concentrati sui margini del merchandise e su qualsiasi commento circa le tendenze del traffico dei clienti.

Probabilmente verrà discusso anche il piano di Gap per tornare alla crescita nei suoi diversi brand, Gap, Banana Republic e Old Navy. Questo obiettivo sarà più difficile a causa della debolezza nel settore retail e quindi gli investitori si aspettano delle previsioni orientate alla prudenza da parte del management.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti