telegramyoutube
Il Bitcoin è il miglior strumento finanziario del 2016?
Pagina principale Finanze, Criptovalute, 2016

Il cambio della criptovaluta nel 2016 ha raggiunto i suoi massimi storici.

Il Bitcoin (FX: Bitcoin) ha avuto un 2016 eccellente.

Dopo due anni di ricavi modesti, il suo prezzo è cresciuto di oltre il 100% quest’anno e ora è la criptovaluta è sulla strada per registrare la sua migliore prestazione annuale dal 2013.

Un’ondata di entusiasmo ha portato il bitcoin dai 90 dollari di gennaio di quell’anno ai massimi di sempre a quota 1.242 dollari.

Il bitcoin è stato scambiato fino a 867 dollari questo giovedì, secondo Coin Market Cap, e la sua capitalizzazione di mercato ha superato i 14 miliardi di dollari - un valore di mercato superiore a quello di Twitter (NYSE: Twitter [TWTR]), per esempio.

Gli analisti di Bitcoin attribuiscono l’avanzata di quest’anno a diversi fattori: l’adozione crescente della criptovaluta da parte degli investitori professionisti, il miglioramento dei fondamentali di mercato e la percezione secondo cui le più grandi economie del mondo stiano diventando sempre più instabili.

Charles Hayter, fondatore e CEO di CryptoCompare, una società che si occupati di analisi e dati su bitcoin, ha detto:

“Si parla della frattura dell’eurozona, della svalutazione dello yuan cinese, dell’imprevedibilità di Trump”.

Il cambiamento della valutazione del bitcoin è solo una parte della storia. Il volume di trading è a sua volta aumentato drasticamente nel 2016, con un picco oltre 330 milioni di dollari appena dopo la fine dell’estate. Inoltre il mercato di bitcoin ha abbastanza liquidità da permettere ai trader professionisti di entrare e uscire dalle loro posizioni senza dover impazzire, dice Hayter.

Nel settembre 2015, la U.S. Commodity Futures Trading Commission aveva dichiarato il bitcoin e le altre valute digitali materie prime sotto il suo dominio. Secondo questo standard, il bitcoin è stato il migliore performer nella sua classe di asset, superando caffé (9,6% in più), soia (15%), petrolio greggio (43,1%) e oro (6,7%).

Su una base percentuale, ci sono alcune criptovalute che potrebbero aver avuto una prestazione migliore del bitcoin, ma le loro valutazioni estremamente basse le rendono irrilevanti nel panorama di investimenti globali.

Un esempio è Ethereum, la seconda maggiore criptovaluta al mondo. A gennaio, un ether valeva 1 $. Adesso ne vale 7 e ha raggiunto massimi sopra 20 $.

Cina

Gli investitori che hanno mantenuto i bitcoin da quando i prezzi sono crollati nel 2014 dovrebbero ringraziare il governo cinese. Il volume di scambi di criptovalute nelle borse cinesi hanno superato il volume di quelle negli USA di parecchi ordini di grandezza, ha detto Hayter, il che significa un grande aumento della domanda tra gli investitori cinesi.

Il forte delino del valore dello yuan cinese, conosciuto anche come renminbi, ha molto a che fare con questa crescita. La banca centrale della Cina ha provato a rallentare il declino della sua valuta con la liquidazione di parte delle sue riserve valutarie, ma il dollaro è cresciuto lo stesso del 7% fino a valore 7 yuan. Si tratta del livello più debole per la moneta di Pechino dal 2008.

Ad ogni modo, non è chiaro se questa domanda sia sostenibile. Fino a poco tempo fa, le autorità cinese hanno tollerato il bitcoin, ma le cose potrebbero cambiare presto: lo scorso novembre Bloomberg ha riportato che il governo cinese sta esplorando nuovi modi di far smettere ai suoi cittadini di usare la valuta digitale, che permette loro di bypassare gli stringenti controlli sul capitale.

Il bitcoin entusiasma gli investitori istituzionali

Gli investitori istituzionali si stanno entusiasmando nei confronti del bitcoin.

Nel corso dell’ultimo anno, il Bitcoin Investment Trust GBTC, un fondo di investimento lanciato nel 2023 da Grayscale, sussidiaria di Digital Currency Group Co., ha visto gli asset sotto la sua gestione crescere di oltre il 100%, dai 60 milioni di dollari del 31 dicembre 2015, ai 139,5 milioni di dollari dello scorso mercoledì.

Le azioni del trust sono state scambiate a un premio medio del 44% sul mercato secondario, secondo Michael Sonnenshein, direttore delle vendite e sviluppo del business per Grayscale. Sonnenshein attribuisce questo premio ai vantaggi fiscali associati al titolo.

“Abbiamo visto un aumento marcato degli stanziamenti presso il fondo di investimento Bitcoin da parte degli investitori istituzionali, tra cui gestori di fondi hedge, fondi comuni, RIA ed ETF”.

Sfortunatamente, questi vantaggi sono stati negati in gran parte agli investitori retail.

A settembre, la SEC ha rimandato la sua decisione circa la concessione dell’autorizzazione al Winklevoss Bitcoin Trust, il fondo scambiato in borsa creato da Tyler e Cameron Winklevoss.

Se approvato, il trust Winklevoss potrebbe diventare il primo veicolo di investimento ad essere scambiato a Wall Street. La SEC dovrebbe raggiungere la decisione finale a Marzo, ma potrebbe scegliere di rimandare ancora la decisione.

Alcuni investitori retail possono accedere al bitcoin senza comprare direttamente la criptovaluta; ARK Invest offre due ETF che stanziano una percentuale dei loro attivi verso il Bitcoin Investment Trust. Le azioni del trust, accessibile agli investitori accreditati, vengono scambiate sul mercato secondario a un premium.

Il blocco e il dibattito

Le regole nel software del bitcoin limitano la tecnologia blockchain della criptovaluta - il sistema crittografico che trasforma ogni computer che opera il software bitcoin in un guardiano dell’integrità della sua rete - a un megabyte di dati, circa sette transazioni al secondo.

A causa di ciò, la lotta per lo spazio sul network bitcoin ha fatto sì che le commissioni di transazione triplicassero di valore, da quasi 5 centesimi a transazioni verso l’inizio dell’anno un valore tra i 15 e i 20 centesimi, riferisce Spencer Bogart, analista bitcoin a Needham & Co., una delle poche banche d'investimento di Wall Street a coprire bitcoin.

Il dibattito su come rimediare a questa situazione ha prodotto una divisione nella comunità bitcoin: bitcoin core, a favore di un aumento della dimensione del blocco, e bitcoin unlimited, per lasciare il network più o meno come è adesso.

Nel 2015 i sostenitori della fazione bitcoin core avevano proposto il cosiddetto “hard fork”, una specie di aggiornamento del software. Dopo un hard fork, gli utenti Bitcoin dovranno aggiornare il loro software o verranno estromessi nei fatti dalla rete della criptovaluta e potranno solo eseguire transazioni con altri utenti che avranno scelto di rinunciare all'hard fork.

Qualcosa di simile è successo quest’anno alla comunità Ethereum, da cui il network si è diviso in due criptovalute diverse che, combinate, hanno una capitalizzazione di mercato più piccola rispetto a Ethereum prima dello split.

Fortunatamente per bitcoin i due campi sono in fase di distensione. A ottobre, la parte bitcoin core ha rilasciato Segregated Witness, un “soft fork” chiamato anche SegWit e che rappresenta un aggiornamento del software che renderebbe più facile incanalare certe transazioni attraverso un network separato per gli utenti bitcoin, alleviando così la tecnologia blockchain di un po’ di pressione .

Se SegWit dovessero entrare in circolo nel network, il 95% dei nodi che lo compongono dovrà adottarlo. E circa il 25% lo ha già fatto.

La storia del Bitcoin
Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Siamo felici di averti con noi!
Buone notizie: adesso abbiamo quotazioni di mercato gratuite. Clicca sul tasto per iniziare a usarle adesso!
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti
Chiudere
Unisciti ad Insider.pro senza pubblicità e aiutaci istallando il nostro plugin per Google Chrome
Istallare