telegramyoutube
Ford cancella la costruzione di una nuova fabbrica in Messico
Pagina principale Economia, USA, Donald Trump
Tema caldo
4 Gennaio
2436 2k

Ford rinuncerà alla costruzione di una nuova fabbrica in Messico. Invece, investirà 700 milioni di dollari nel Michigan, creando 700 nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti.

Il CEO di Ford (NYSE: Ford Motor Company [F]), Mark Fields, ha detto che l’investimento è un “voto di fiducia” sull’ambiente pro-business creato da Donald Trump. Ad ogni modo, ieri Fields ha puntualizzato alla CNN di non aver realizzato alcun tipo di accordo particolare con il presidente eletto.

“Non abbiamo preso un accordo con Trump. Lo abbiamo fatto per il bene dei nostri affari”.

L’investimento da 700 milioni di dollari andrà alla fabbrica di Flat Rock, Michigan, per produrre più auto elettriche e automobili a senza conducente. Ford crede che nei prossimi 15 anni i veicoli elettrici registreranno vendite maggiori a quelle dei veicoli tradizionali.

Ford sta sta pianificando di mettere in circolo sette nuove macchine elettriche nei prossimi cinque anni, tra cui una Mustang ibrida.

Questo è un importante cambio di rotta per Ford. Trump ha ripetutamente criticato Ford durante la campagna elettorale per aver spostato lavori statunitensi in Messico (accusa negata dalla casa automobilistica).

Il presidente eletto ha continuato a mantenere alta la pressione. Alcune ore prima dall’annuncio di Ford, Trump ha criticato (NYSE: General Motors Company [GM]) per la sua produzione di auto in Messico. Tutte le più importanti case automobilistiche statunitensi tengono una parte della loro in Messico.

Ford compie un’inversione a U

Lo scorso anno, Ford ha annunciato che avrebbe investito 1,6 miliardi di dollari in Messico per trasferire la produzione della Ford Focus dal Michigan al Messico e risparmiare sui costi. Ora la Focus sarà costruita in una fabbrica esistente a Hermosillo, Messico, e Ford invece espanderà la sua fabbrica nel Michigan.

Trump ha minacciato una tariffa del 35% sui veicoli Ford fabbricati in Messico e venduti negli Stati Uniti, anche se gli esperti dicono che Trump non può applicare questa legge a una singola società statunitense.

Il presidente eletto ha ripetuto quella minaccia nei confronti di General Motors, twittando:

“Make in U.S.A. or pay big border tax!”

Il CEO di Ford ha provato a fare i salti mortali nel commentare l’influenza di Trump circa questo grande cambiamento nei piani della società. Ha lodato Trump per le sue promesse di tagliare le tasse e ridurre la regulation sul business, ma ha sottolineato che la decisione della Ford è stata “presa indipendemente” dal presidente.

Ha detto Bernard Swiecki, senior analyst al Center for Automotive Research in Michigan:

“Questa [scelta] è molto sensata per motivi legati agli affari. Il favore politico è un effetto secondario vantaggioso”.

Ford sta risparmiando soldi investendo solo 700 milioni di dollari invece degli 1,6 miliardi pianificati inizialmente.

Dopo anni di vendite record di auto USA, ci sono segni di un rallentamento. In particolare di recente le macchine di piccole dimensione hanno registrato vendite scarse, che poi è il motivo per cui Ford sta lo stesso spostando la produzione in Messico.

I lavoratori delle fabbriche USA guadagnano in media 28 dollari in media l’ora, dice Swiecki. In Messico, gli operai vengono pagati in media 5,50 dollari l’ora.

Gli operai Ford festeggiano

Trump ha guadagnato molto sostegno da parte dei sindacato per merito dei suoi discorsi sull’impedire il trasferimento di posti di lavoro all’estero e sulla rinegoziazione del NAFTA. Il sindacato che rappresenta i lavoratori Ford è “elettrizzato” circa i nuovi piani di Ford, come i dipendenti della fabbrica di Flat Rock.

“È una grande notizia. Grande per il nostro futuro qui, specialmente per i nuovi assunti” ha detto alla CNN Chris Romano, operaio della fabbrica della Ford a Flat Rock.

Gli operai nella fabbrica guadagnano tra i 20 e i 30 dollari all’ora, ha detto Romano. Lui ritiene che mettere pressione alle aziende per tenere i posti di lavoro negli Stati Uniti è stato un “buon segnale” da parte di Trump.

Il governo messicano ha detto che rimpiange la decisione della Ford e ha sottolineato che i lavori creati in Messico non sono necessariamente una perdita per gli Stati Uniti.

“I posti di lavoro creati in Messico hanno contribuito a mantenere il manifatturiero negli Stati Uniti, che altrimenti sarebbe scomparso a causa della competizione con l’Asia” ha dichiarato martedì il governo messicano.

Trump si prende il merito di aver creato posti di lavoro

Al momento Ford conta 85.000 dipendenti americani, quasi il 50% in più rispetto a cinque anni fa. In Messico, i dipendenti di Ford sono 8.800.

La casa automobilistica ha ribattuto alle dichiarazioni di Trump durante la campagna elettorale, dicendo che il tycoon si sbagliava e che la compagnia non aveva in mente di tagliare alcun posto di lavoro negli USA. Nel mese di ottobre Bill Ford, pro-pronipote del fondatore, ha definito “esasperanti” le critiche di Trump. Adesso la società sta abbassando i toni. E il titolo in borsa è cresciuto di oltre il 3% dopo l’annuncio del nuovo piano.

Finora sono stati presi impegni per 51.500 posti di lavoro: 800 da Carrier, 700 da Ford e 50.000 da SoftBank), anche se ci sono opinioni contrastanti su quanto Trump abbia giocato un ruolo attivo in tutto questo.

Gli Stati Uniti hanno registrato una crescita di 125.000 posti di lavoro al mese nell’ultimo anno sotto la presidenza di Obama.

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Siamo felici di averti con noi!
Buone notizie: adesso abbiamo quotazioni di mercato gratuite. Clicca sul tasto per iniziare a usarle adesso!
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti
Chiudere
Unisciti ad Insider.pro senza pubblicità e aiutaci istallando il nostro plugin per Google Chrome
Istallare