I segreti del successo di 4 aziende a conduzione familiare
Pagina principale Analisi, Storie di successo

Quattro aziende a conduzione familiare condividono i segreti del loro successo nel mondo degli affari.

In Asia e in Europa è possibile trovare un numero ristretto di imprese familiari continua a prosperare, nonostante la forte concorrenza di società più grandi con fondi più consistenti.

Oltre alle solite sfide che affronta qualsiasi azienda, le imprese familiari hanno anche dovuto far fronte ad ostacoli unici, dalle liti familiari fino alla pianificazione del passaggio alla generazione successiva.

La CNBC ha discusso con diverse imprese a conduzione familiare nelle ultime due stagioni della sua serie Lasting Legacy per scoprire come sono riuscite non solo a sopravvivere in un ambiente sempre più competitivo, ma addirittura a prosperare.

Iniziare da giovani

In molte aziende a conduzione familiare, le generazioni più giovani crescono spesso intorno all’impresa senza essere direttamente coinvolti nelle operazioni commerciali, se non molto tempo dopo.

Anderson Tanoto, direttore del gigante delle risorse RGE (Royal Golden Eagle), ha dichiarato alla CNBC di aver spesso trascorso del tempo nelle piantagioni indonesiane della società quando era bambino. La RGE era partita negli anni ’60 come azienda che trattava il legno compensato, prima di espandersi all’olio e alla polpa di palma.

“Ho trascorso quattro o cinque estati a Kerinci, nel Riau o nelle piantagioni… da bambino era divertente stare in mezzo alla natura, restare affascinato da grandi strutture, indossare caschetti e attraversare diversi fiumi e canali”, ha affermato Anderson.

Sua sorella, Belinda, ha raccontato come l’aver passato del tempo nei campi abbia fornito ai membri più giovani della famiglia “una forte connessione emotiva” con l’impresa familiare.

Tutto in famiglia

Nell’azienda vinicola francese Chateau de Beaucastel, la famiglia Perrin ha scelto di mantenere la sua impresa a gestione esclusivamente familiare.

“Siamo al 100% a conduzione familiare, quindi non si discute mai di dare nemmeno l’un percento al di fuori della famiglia per partecipazioni azionarie”, ha detto Marc Perrin, che fa parte della quinta generazione della famiglia che si occupa delle operazioni dell’azienda vinicola.

Il motivo? La famiglia vuole fornire una base per le generazioni future.

“Non pianti un vigneto per te stesso, lo fai per la generazione successiva”, ha dichiarato Francois Perrin alla CNBC. “È importante sapere che il tuo lavoro… non è per te, ma per le altre generazioni”.

Vicini, ma non troppo

Sebbene il mantenere la famiglia unita sia stato un elemento comune in alcune delle più antiche imprese a gestione familiare, Illy, un’azienda italiana specializzata nella produzione di caffè, applica una serie di norme che garantiscono che i membri della famiglia non debbano interfacciarsi direttamente con qualcuno con cui sono imparentati.

“Abbiamo delle norme familiari molto severe, non possiamo avere più di una persona del nucleo familiare all’interno della stessa area o compagnia”, ha affermato Daria Illy, un membro della famiglia di quarta generazione, responsabile dello sviluppo di nuovi prodotti.

“Non troverete due fratelli che lavorano nella stessa sede e di certo non sotto la diretta responsabilità di un membro della famiglia”, ha aggiunto.

Faida familiare

Sebbene alcune famiglie abbiano scelto di gestire le questioni relative alla gestione dell’impresa all’interno della stessa famiglia, non sempre i membri vanno d’accordo.

La stilista indiana Ritu Kumar ha ammesso di aver avuto dei litigi con suo figlio Amrish, l’amministratore delegato dell’azienda Ritu Kumar. La Kumar è nota per i suoi design di lusso che mettono in mostra la fattura indiana e vanta di clienti come la star di Bollywood Aishwarya Rai fino alla defunta Principessa Diana.

Amrish sta cercando di adattare la società affinché soddisfi un pubblico più contemporaneo, ma ha riconosciuto che non sia sempre così semplice.

“C’è un divario generazionale e una grossa crescita relativa alla dimensione e alla portata dell’organizzazione. Ciò porta sempre qualche turbolenza”, ha riferito Amrish.

Tuttavia, nonostante qualche divergenza occasionale, la Kumar apprezza comunque del contributo di suo figlio all’azienda.

“Sembra che Amrish la stia portando a un livello internazionale – e questo sarà un bene”, ha affermato la Kumar.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti