telegramyoutube
Come la politica ha influenzato il mercato valutario quest’anno
Pagina principale Analisi, Unione Europea, Mercato USA, 2016, Trading

La divisione tra le valute dei mercati emergenti e quelli sviluppati è diventata sempre più labile nel 2016. E gli strateghi del mercato dicono che la maggior parte della colpa è della politica.

Una volta famosi per la loro stabilità, quest'anno la sterlina inglese, l'euro e il dollaro hanno sperimentato un'oscillazione violenta, a causa anche di sviluppi politici come il voto del Regno Unito per uscire dall'Unione europea (Brexit) e il referendum costituzionale fallito in Italia. L'elezione di Donald Trump è stata solo l'ultima goccia di questo dramma globale.

Gli investitori ritengono che la rabbia populista e l'ascesa dell'estrema destra in Europa e negli Stati Uniti potrebbero sconvolgere lo status quo liberale in Occidente, il che potrebbe condurre alla dissoluzione dell'Unione europea e al sovvertimento delle istituzioni democratiche.

Win Thin, capo della strategia valutaria nei mercati emergenti presso la Brown Brothers Harriman, ha detto:

"Il rischio politico è di solito un tema del mercato emergente, ma abbiamo visto dei rischi politici anche nei mercati sviluppati nel corso degli ultimi due anni".

In genere, i fattori economici fondamentali come il conto corrente, il tasso economico di crescita e lo spread sui tassi di interesse hanno il loro maggiore impatto sulle valute dei mercati sviluppati. Ma la percezione che lo sconvolgimento politico in ultima analisi danneggi l'economia, e offuschi la credibilità delle istituzioni democratiche e delle banche centrali è uno dei motivi dietro a questo cambiamento di tendenza, ha detto Thin.

Dopo il voto Brexit, gli strateghi di valuta presso la HSBC hanno notato che la sterlina britannica veniva scambiata come una valuta dei mercati emergenti, che sono in genere molto più volatili rispetto ai loro coetanei del G-10. La valuta britannica ha perso oltre il 16% del suo valore rispetto al dollaro quest'anno, il che la rende il peggiore performer di quest'anno tra i G-10.

Negli Stati Uniti, le aspettative che Trump faccia dei tagli fiscali aumenti la spesa per le infrastrutture hanno contribuito a spingere il dollaro più in alto, in quanto gli investitori scommettono che la sue scelte politiche, se attuate, potrebbero eventualmente incoraggiare la Federal Reserve ad alzare i tassi di interesse più rapidamente.

L'euro è caduto dopo il referendum italiano non riuscito e ha provocato le dimissioni del premier Matteo Renzi. Ma la moneta ha rapidamente recuperato quando gli investitori si sono convinti che i partiti di opposizione probabilmente non avrebbero avuto successo negli sforzi di tenere delle elezioni anticipate nel 2017, mentre in Italia le prossime elezioni sono previste per la primavera del 2018.

Il prossimo anno comprenderà una serie di test politici per l'euro, con i partiti di estrema destra che minacciano di fare significativi progressi alle elezioni generali in Germania, in Francia e nei Paesi Bassi.

Per un assaggio di come l'euro potrebbe reagire se, per esempio, Marine Le Pen, leader del partito di destra Front National, vincesse le presidenziali francesi, si può guardare lo zloty polacco, dicono gli strateghi di mercato.

La valuta ha perso il 7% del suo valore rispetto al dollaro quest'anno, una delle peggiori performance in Europa, mentre la legge dirigente e il Partito della Giustizia sono stati più volte accusati di calpestare le libertà civili dei cittadini.

Martedì scorso, il governo conservatore polacco ha promosso una legge che, dicono gli studiosi di legge, farà diminuire l'autorità delle corti costituzionali del paese. Piotr Matys, strategist dei mercati emergenti presso Rabobank, ha detto:

"Ci sono preoccupazioni per lo stato di diritto e per la democrazia in Polonia. Alcuni sviluppi politici hanno minato la loro credibilità".

In Turchia, dove il presidente Recep Tayyip Erdogan ha vigorosamente purgato tutti i sospettati dissidenti politici tra i militari, le forze di polizia, le università e il servizio civile, la moneta locale è arrivata a valere un quinto del suo valore. Ai primi di dicembre veniva scambiata al livello più basso di 3,6 lire al dollaro.

Gli investitori sono anche preoccupati che Erdogan possa compromettere l'indipendenza della banca centrale della Turchia cercando di mantenere i tassi di interesse bassi. Per contribuire ad arginare il rapido deprezzamento della moneta, egli ha invitato i turchi patriottici a contribuire a sostenere la lira nelle negoziazioni rispetto all'euro e al dollaro.

Le accuse di corruzione attorno all'African National Congress e al suo leader, il presidente Jacob Zuma, hanno pesato sul rand sudafricano, che ha perso quasi il 10% del suo valore rispetto al dollaro quest'anno.

Per tutte le valute di cui sopra, la politica probabilmente rimarrà un albatro. Ha detto Matys:

"Una cosa è certa: la politica ha svolto un ruolo cruciale nel mercato valutario nel corso di quest'anno".

E i mercati possono aspettarsi di più nel 2017, ha aggiunto.

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Siamo felici di averti con noi!
Buone notizie: adesso abbiamo quotazioni di mercato gratuite. Clicca sul tasto per iniziare a usarle adesso!
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti
Chiudere
Unisciti ad Insider.pro senza pubblicità e aiutaci istallando il nostro plugin per Google Chrome
Istallare