La fine dei giorni gloriosi per gli iPhone
Alessia Pierdomenico/Reuters
Pagina principale Analisi, Apple

Gli investitori di Apple si stavano già preparando quest'anno ad un trimestre che avrebbe portato il primo calo delle vendite per l'iPhone. Ora, però, dovranno abituarsi all'idea che la grave crisi andrà avanti per almeno due trimestri. E più Apple lotta per risollevare le sorti del suo prodotto dominante, maggiore è la preoccupazione che i giorni gloriosi dell’ iPhone siano ormai un ricordo del passato.

Le profondità della crepa nel business core degli smartphone di Apple (NASDAQ: Apple [AAPL]) è diventato chiara martedì, in quanto la società ha riportato risultati più deboli del previsto per il primo trimestre di quest'anno e ha stilato una previsione ancora più deludente per il secondo.

Piuttosto che un progressivo recupero a partire dal trimestre in corso, le vendite degli iPhone potrebbero ora andare verso un declino ancora più grande rispetto ai primi tre mesi, quando le vendite caddero del 16%.

Non importava che i dirigenti di Apple insistevano sul fatto che la debolezza nelle previsioni fosse in parte il risultato di un aggiustamento degli stock di 2 miliardi $ che avrebbe mascherato la probabile forza della domanda dei consumatori; con soli 41bn$ - 43 miliardi $, il fatturato di Apple per il trimestre che si concluderà nel mese di giugno è stato abbastanza al di sotto delle aspettative di Wall Street, che si aspettava 47 miliardi $ da inviare attraverso il mercato e di cui l'8 per cento del prezzo delle azioni da dividere nel trading after-market.

I dati hanno sottolineato ciò che era già evidente: Apple sta vivendo all'ombra del proprio successo passato. L'aumento delle vendite a seguito del lancio di iPhone 6, che ha avuto inizio nel settembre del 2014, ha lasciato un sbornia acuta. E più si va avanti, più la pressione aumenterà su Apple, che dovrà dimostrare che può ancora suscitare eccitazione quando arriverà il momento di svelare il nuovo iPhone 7 entro la fine dell'anno.

"Abbiamo toccato un plateau dell’innovazione", dice Geoff Blaber, analista di CCS Insight. "L'iPhone non può crescere all'infinito." La più grande sfida di Apple, aggiunge, è all'altezza delle aspettative fuori misura generate dal suo stesso successo nel passato.

La pausa è molto simile a quella vista due anni fa, secondo Tim Cook, chief executive officer. Allora, come oggi, Apple aveva eseguito una revisione significativa dell’ iPhone in un anno in cui aveva prodotto un minor numero di modifiche. Se non altro, il livello di gradimento degli aggiornamenti da parte dei clienti di iPhone era stato migliore di quanto non lo fosse stato prima.

Il sig. Cook ha anche spazzato via le impressioni che Apple stia passando da essere una società in crescita in un mercato già maturo. Alla domanda se il rallentamento significasse che era il momento di ripensare la posizione della società nel mondo tech, egli ha risposto: "Anche questo momento passerà".

Ma c'erano abbastanza segnali negli ultimi guadagni per rendere gli investitori preoccupati.

Uno era la slide riguardante la sezione Greater China di Apple, fino a poco tempo la sua più forte fonte di crescita. Anche se rappresenta solo il 25 per cento del totale delle vendite, la Cina è stata la responsabile del 60% della riduzione dei ricavi nel primo trimestre. Secondo il signor Cook, tuttavia, la Cina è più solida rispetto a ciò che le cifre indicano, con una domanda finale che può aumentare del 5% dopo un aggiustamento degli stock. Il declino regionale più grande, ha aggiunto, è stato causato dalle minori vendite a Hong Kong, un risultato, ha detto, di minori acquisti da parte dei turisti.

Anche il pesante calo dei prezzi globali degli iPhone ha aggiunto disagio a Wall Street. Con i clienti che mostrano sempre di più una preferenza per i modelli più economici e più datati rispetto all'ultimo modello, il prezzo medio di vendita è sceso di 49 $ nei tre mesi precedenti, a 642 $.

Ci si aspetta che il prezzo esca da questa situazione di pressione nel trimestre in corso in seguito al lancio dell’ iPhone SE, un dispositivo più economico con uno schermo più piccolo di quattro pollici, progettato per espandere la portata di Apple verso più parti del mercato degli smartphone.

Se le vendite di iPhone sono state l’indicatore di salute di quest'anno, c'è poco da fare per fare la differenza in futuro. Anche gli altri prodotti hardware di Apple hanno ottenuto risultati deboli nell’ultimo periodo. L'iPad ha continuato il suo declino, con dati di vendita in calo del 19% rispetto all’ anno precedente, mentre un dimezzamento dei ricavi degli "altri prodotti" della società nei tre mesi precedenti ha accennato a un grande calo anche nelle vendite dei iWatch.

Il signor Cook ha detto che le vendite degli Watch sono state preannunciate come stagionali, cosi come lo erano una volta per gli l'iPod, che hanno prodotto il 40% delle sue vendite annuali nel trimestre finale dell'anno. E anche le vendite dei Mac, che avevano resistito durante una crisi più ampia della domanda di PC, hanno registrato un calo, con una percentuale di vendita in calo del 12%.

Tre mesi fa, la maggior parte degli analisti avevano prestato scarsa attenzione quando Apple aveva cercato di far luce sul potenziale della sua divisione di servizi, scegliendo invece di vedere ciò come un segno che l'azienda stesse cercando di spostare l'attenzione via dalla presentazione degli iPhone.

Dato che gli iPhone rappresentano ancora i due terzi delle vendite complessive e sta affrontando delle oscillazioni violente, è probabile che il destino dello smartphone con la mela continuerà a dominare l'attenzione di Wall Street anche negli anni a venire.

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti