La definizione di azione

In parole povere, l’azione è una quota della proprietà di una società. L’azione rappresenta un diritto sul patrimonio e sui guadagni della società. Con l’acquisto di più azioni, il tuo pacchetto di prorietà della società diventa più grande. Che si chiamino quote, titoli di credito o azioni, significano tutti la stessa cosa.

Possedere delle azioni

Possedere delle azioni di una società significa che sei uno dei molti proprietari (azionisti) di una società e, come tale, hai diritto (anche se di solito molto piccolo) a qualunque cosa che la società possieda. Proprio così. Ciò vuol dire che possiedi una piccolissima parte di ogni mobile, marchio di fabbrica e contratto della società. Da proprietario, hai diritto alla tua parte di guadagni e anche qualunque diritto di voto associato all’azione.

Un’azione è rappresentata da un certificato. Questo è un pezzo di carta ben decorato che prova la tua proprietà. Nell’era dei computer, in effetti non vedi questo documento perché la tua agenzia di intermediazione tiene i registri elettronicamente; questo viene anche detto possedere azioni “in street name”. Ciò avviene per facilitare il commercio delle azioni. In passato, quando una persona voleva vendere le proprie azioni, doveva portare fisicamente i certificati all’agenzia. Oggigiorno, commerciare con un click del mouse o una telefonata, rende la vita più facile per tutti.

Essere un azionista di una società pubblica non vuol dire che la tua opinione abbia un peso nella gestione quotidiana degli affari. Invece, puoi esprimerti annualmente tramite un voto per azione per eleggere un consiglio d’amministrazione. Per esempio, essere un azionista di Microsoft non vuol dire che puoi chiamare Bill Gates e dirgli come pensi che la società dovrebbe essere gestita. Analogamente, essere un azionista di Anheuser Busch, non vuol dire che puoi entrare alla chetichella nella fabbrica e portarti via una cassa di Bud Light!

Ci si aspetta che la direzione di una società aumenti il valore della società per i suoi azionisti. Se questo non succede, gli azionisti possono votare per cambiare la direzione, almeno in teoria. In pratica, gli investitori individuali come noi non posseggono abbastanza azioni per avere una vera influenza sulla società. Sono solo i grandi, come i grandi investitori istituzionali e gli imprenditori miliardari, che decidono.

Per gli azionisti ordinari, non poter dirigere la società non è poi un grosso problema. Dopo tutto, l’idea è di non dover lavorare per fare soldi, no? L’importanza di essere un azionista è che sei autorizzato a una porzione dei profitti della società e hai diritto al patrimonio. I profitti a volte vengono pagati sotto forma di dividendi. Più azioni possiedi, più ampia è la porzione di profitti che ricevi. Il tuo diritto al patrimonio è solo rilevante se la società fa bancarotta. In caso di liquidazione, riceverai cosa rimane dopo che tutti i creditori sono stati rimborsati. È importante ripetere questo concetto: la proprietà di un’azione ti dà diritto al patrimonio e ai guadagni. Senza questi, l’azione non varrebbe la carta su cui è stampata.

Un’altra caratteristica delle azioni, estremamente importante, è la sua responsabilità limitata; cioè, da proprietario di un azione non sei responsabile personalmente se la società non può pagare i debiti. Altre società, come le imprese collettive, funzionano che se l’impresa fallisce, i creditori si possono rifare sui soci (azionisti) personalmente e vendere la loro casa, auto, mobili, ecc. Possedere un’azione significa che, in qualunque caso, il massimo valore che puoi rimetterci è il valore del tuo investimento. Anche se una società di cui sei azionista facesse fallimento, non potrai mai perdere le tue proprietà personali.

Debito vs azione

Perché una società emette delle azioni? Perché i fondatori accettano di condividere i profitti con migliaia di altre persone quando potrebbero tenersi tutti i profitti per loro stessi? La ragione è che a un certo punto, qualunque società ha bisogno di raccogliere soldi. Per farlo, le società possono o chiedere un prestito a qualcuno, o vendere una parte della società, cioè emettere azioni. Una società può ottenere un prestito da una banca o emettendo obbligazioni. Entrambi questi metodi creano un debito finanziario. Invece, emettere azioni viene detto finanziamento azionario. Emettere azioni è vantaggioso per la società, perché non richiede alla società di ripagare il denaro o gli interessi durante questo processo. Tutto quello che gli azionisti hanno in cambio è la speranza che le azioni un giorno varranno di più di quanto le hanno pagate. La prima vendita di un’azione, che viene emessa dalla società privata stessa, si chiama Offerta Pubblica di Vendita (OPV, o IPO in inglese).

È importante capire la distinzione tra il finanziamento di una società tramite debito e il finanziamento tramite azioni. Quando compri un debito di investimento come un’obbligazione, hai la garanzia che il tuo denaro (il capitale) ti verrà restituito insieme ai pagamenti di interesse promessi. Questo non avviene con un investimento azionario. Diventando proprietario, ti assumi il rischio che la società possa non avere successo. Così come il proprietario di un piccolo business non ha la garanzia di un ritorno dei suoi investimenti, così accade per gli azionisti. Da proprietario, il tuo diritto al patrimonio è minore di quello dei creditori. Questo significa che se una società va in bancarotta e viene liquidata, tu, come azionista, non vedi nessun soldo fintanto che le banche e gli obbligazionisti non vengono pagati; questo si chiama priorità assoluta. Gli azionisti guadagnano molto se una società ha successo, ma rischiano anche di perdere tutto il loro investimento se la società non ha successo.

Rischio

Bisogna enfatizzare che non ci sono garanzie quando si tratta di azioni individuali. Alcune società pagano dividendi, ma molte altre non lo fanno. E non c’è nessuna obbligazione di pagare i dividendi neanche per quelle società che tradizionalmente lo hanno fatto. Senza i dividendi, un investitore può far soldi su un’azione solo tramite la sua rivalutazione sul mercato. Dal punto di vista negativo, qualunque azione può andare in bancarotta, nel qual caso il tuo investimento non vale niente.

Sebbene il rischio possa sembrare tutto negativo, c’è anche un lato positivo. Prendersi un rischio maggiore richiede un maggior ritorno del tuo investimento. Questo è il motivo per cui le azioni, storicamente parlando, hanno superato in prestazioni gli altri investimenti come le obbligazioni o i conti di risparmio. A lungo termine, tradizionalmente, un investimento in azioni ha un ritorno medio di circa il 10-12%.

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti